Chirurgia maxillo-facciale ricostruttiva/rigenerativa: prelievo di osso autologo intra-orale

Il prelievo di osso intra-orale consente di avere un unica zona d'intervento : la cavità orale. Per questo motivo viene considerato, arbitrariamente, relativamente semplice e con scarsa o nulla sintomatologia nel post-operatorio. La realtà clinica è assai differente ed è assolutamente funzione di dimensione e sede del prelievo. Evitando di addentrarci nelle dispute teoriche riguardanti i reali o presunti vantaggi dell'osso di derivazione membranosa (ossa piatte del cranio), le considerazioni da fare riguardano soprattutto :

  • tipo di prelievo : tecnica a blocchi (onlay) o osso particolato (bone chips)

  • sede e quantità

  • finalità del prelievo

  • tecnica operatoria (microinvasività - microscopio)

  • tipologia di paziente (rischio ASA – sedazione cosciente)