Odontoiatria conservativa al microscopio: intarsi (inlay e onlay)

Sono manufatti eseguiti in laboratorio. I restauri conservativi indiretti (intarsi), anche detti inlay e onlay, consentono di “riparare” le lesioni dentali da carie destruente. La cavità cariosa viene bonificata e preparata come nel caso delle otturazioni; successivamente viene curata nei dettagli la preparazione ed eseguita un impronta di precisione, che permetterà all'odontotecnico di costruire un manufatto molto preciso e resistente che verrà infine cementato in bocca. Il vantaggio consiste nella possibilità di curare precisione e robustezza di tali manufatti al di fuori dell'ambiente orale. Trattandosi di manufatti molto piccoli è di grande aiuto l'utilizzo di strumenti ottici (occhiali ingrandenti, caschetto, microscopio). I materiali attualmente in uso sono il composito, la ceramica o l'oro (fig. 1-2-3).