Protesi dentale al microscopio: impronta in gesso

E' il materiale più antico, ma anche il più preciso nel leggere la “posizione” di un moncone protesico o di un impianto. In protesi implantare è il materiale da impronta d'elezione: la registrazione della posizione dei transfert avvitati sugli impianti con il gesso, consente all'odontotecnico di lavorare senza “incertezze”. Occorre una certa “pratica” nel gestire un materiale poco maneggevole nella bocca del paziente: il gesso se spatolato bene consente tempi di lavorazione non superiori ai 120 secondi! Il team, costituito dal clinico e 2 assistenti, deve “rodare” i dettagli dell'operatività, simulando ripetutamente tutti i passaggi, ed accertarsi della collaborazione del paziente. Il porta-impronte deve essere assolutamente individualizzato